Jesu dulcis amor meus

Iesu dulcis amor meus,
ac si praesens sis accedo:
te complector cum affectu,
tuorum memor vulnerum.

O quam nudum hic te cerno,
vulneratum et distentum,
inquinatum, involutum,
in hoc sacrato tegmine.

Salve caput cruentatum
spinis cuius dulcis vultus
immutavit suum florem,
quem caeli tremit curia.

Salve latus Salvatoris,
salve mitis apertura,
super rosam rubicunda,
medela salutifera.

Manus sanctae, vos avete,
diris clavis perforatae:
ne repellas me Salvator
de tuis sanctis pedibus.

Amen

Gesù, mio dolce amore,
se tu fossi qua presente mi avvicinerei:
ti abbraccio con affetto,
ricordando le tue piaghe.

Ti vedo qui spoglio,
ferito e tumefatto,
sporco, avvolto
in questa sacra veste.

Salve, capo insanguinato dalle spine,
capo il cui dolce volto
non perse la sua bellezza,
per cui trema la corte del cielo.

Salve, costato del Salvatore,
salve, dolce ferita,
più rossa della rosa,
medicina che porta salvezza.

Ave, mani sante
trafitte da chiodi crudeli:
non respingermi, o Salvatore,
dai tuoi santi piedi.

Amen

Jesu dulcis amor meus